Giovanni Piccoli

BLUE WHALE NEL MIRANESE

“L’ultimo caso di Blue Whale registrato nel Miranese ci fa capire che serve uno sforzo congiunto delle Istituzioni, anche a livello territoriale, per combattere questo fenomeno e tutte quelle manifestazioni estreme di cyberbullismo. Dobbiamo fin da ora pensare a una forte azione di contrasto, a cominciare dal mondo della scuola”.

Così il senatore Giovanni Piccoli commenta la notizia che arriva da Mirano (Venezia) dove si è scoperto che uno studente delle medie si stava cimentando nelle prove del Blue Whale procurandosi tagli in diverse parti del corpo.

“Scriverò un’interrogazione urgente al Ministro dell’Istruzione Fedeli perché l’azione di sensibilizzazione sul fenomeno deve cominciare dalle scuole: i nostri ragazzi non possono essere lasciati da soli di fronte ai rischi sempre più insidiosi della rete. Il Blue Whale è solo la punta dell’iceberg e forse la più estrema di un atteggiamento sbagliato nei confronti dei nuovi media e di una mancanza oggettiva di controlli sui contenuti”

“Il problema vero è la solitudine dei giovani, stato d’animo che li rende ancora più fragili e vulnerabili. Chiedo per questo al ministro che azioni intende intraprendere contro il Blue Whale. Allo stesso tempo auspico che anche i livelli locali e le nostre scuole si attivino – nell’ambito della loro autonomia – per iniziare una campagna di sensibilizzazione”, la conclusione di Piccoli.