Giovanni Piccoli

DATA DEL REFERENDUM SULLA RIFORMA COSTITUZIONALE

Dopo il via libera della Cassazione al Referendum sulla Riforma Costituzionale, passa la parola al Governo per indicarne una data.
“Questo referendum – afferma il sen Piccoli – è molto importante e riguarda tutti gli italiani. Basta con i giochetti e i rinvii, i cittadini hanno il diritto di essere informati su tutti gli aspetti di questa terrificante Riforma che, di fatto, rischia di mettere in serio pericolo la nostra democrazia qualora vincesse il sì”.
“Il fatto che ancora non si conosca la data nella quale si andrà a votare, il che è scandaloso – prosegue Piccoli – evidenzia la paura del Pd in questo momento dove tutti i sondaggi danno avanti il no di parecchi punti nonostante l’occupazione della Rai da parte dei membri della maggioranza per una campagna elettorale piena zeppa di bugie.”
“Il mio auspicio – conclude il senatore – è che si vada a votare il prima possibile per mandare a casa il Presidente del Consiglio che con troppa leggerezza e prepotenza ha voluto personalizzare il voto sulla sua figura.
Il “Comitato del No”, che mi vede come promotore in provincia di Belluno, ha già pronti eventi su tutto il territorio per smentire una ad una le bugie grossolane che si continuano a sentire anche a livello locale con il PD provinciale intento a difendere l’indifendibile soprattutto se si guarda alla rappresentanza dei territori. Aspettiamo quindi con ansia la data del voto, ma su questo punto qualcuno – a quanto pare – sente puzza di sconfitta”.