Giovanni Piccoli

FUSIONE COMUNI

“I comuni della Sinistra Piave che hanno avviato la fusione dimostrano lungimiranza. Mi auguro che altri comuni bellunesi seguano la loro strada. Solo così si possono potenziare i servizi ai cittadini e perseguire nuove economie di scala. Tutto questo rende il territorio più forte”.

A dirlo è il senatore di Forza Italia Giovanni Piccoli dopo l’avvio della procedura di fusione da parte dei comuni di Mel, Lentiai, Limana e Trichiana.

“Si tratta di un’operazione coraggiosa su un’area omogenea. E’ la strada giusta per difendere i servizi, ottimizzare le risorse e ottenere i benefici previsti dalla legge per le fusioni”.

“Anch’io da sindaco di Sedico avevo auspicato una soluzione del genere per Sedico e i comuni limitrofi. Ora i tempi sono maturi, così come è cambiata la sensibilità dei cittadini nei confronti di queste tematiche. L’importante”, rimarca Piccoli,  “è che la vicinanza – anche fisica – dei servizi venga garantita in modo equo e uniforme su tutto il territorio oggetto della fusione”.

“I comuni bellunesi stanno dimostrando grande responsabilità, in Valbelluna come in Alpago e Zoldo. Quero – Vas e Longarone con Castellavazzo hanno inaugurato una nuova stagione per la governance del territorio bellunese”, conclude Piccoli.