Giovanni Piccoli

INCONTRO A CORDIGNANO PER IL FONDO PEREQUATIVO COL FRIULI

PICCOLI INCONTRA I SINDACI DI CORDIGNANO, MEDUNA E SARMEDE: “FRONTE COMUNE PER RIEQUILIBRARE I TERRITORI”

“Dobbiamo creare le condizioni perché il Fondo per i comuni veneti confinanti col Friuli diventi realtà. Istituzioni e rappresentanti dei vari schieramenti devono fare una battaglia per l’equilibrio fra i territori”.

E’ questo l’appello lanciato dal municipio di  Cordignano (Treviso) dall Associazione comuni di confine ASSCO rappresentata da Roberto Campagna, sindaco di Cordignano e presidente dell’Associazione insieme al primo cittadino di Meduna di Livenza Marica Fantuz ed al collega di Sarmede Larry Pizzol, nel corso dell incontro con il senatore Giovanni Piccoli.

Poco meno di una settimana fa Piccoli ha presentato in Senato la proposta di legge per l’istituzione di un fondo perequativo destinato alle aree confinanti col Friuli Venezia Giulia sulla falsariga di quello che già avviene per i territori veneti e lombardi limitrofi al Trentino Alto Adige.

Il fondo perequativo è rivolto a 28 comuni veneti (di cui 7 nella provincia di Venezia, 8 del Trevigiano, 13 della provincia di Belluno) e, più in generale, dei territori contermini.

La proposta di legge presentata da Piccoli impegna la Regione Friuli Venezia Giulia, a versare dei contributi in favore dei territori (gli Enti di Area Vasta) della Regione Veneto ad essa confinanti che potranno essere utilizzati sia per finanziare progetti volti allo sviluppo economico e sociale sia per la spesa corrente, con l’obiettivo di migliorare le condizioni di vita di cittadini e imprese.

Sul fondo dovrà vigilare la Regione Veneto con i comuni.

“I sindaci di Cordignano, Meduna e Sarmede mi hanno detto che tale misura è necessaria per riequilibrare la situazione fra i territori e, come prima azione, siamo d’accordo nell’allargare il fronte a tutti gli amministratori veneti e friulani che credono in questa battaglia per l’equità”, afferma Piccoli.

“Vogliamo portare a casa questa legge entro l’anno e per farlo dobbiamo creare un fronte trasversale e coeso, che parta dai comuni, passi per le Regioni Veneto e Friuli, per poi arrivare a Roma: penso che con un’assunzione generale di responsabilità si possa fare parecchia strada”, conclude Piccoli.

COMUNI DELLA REGIONE VENETO CONFINANTI CON LA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA:

PROVINCIA DI BELLUNO:

> 1 Santo Stefano di Cadore

> 2 Sappada

> 3 Vigo di Cadore

> 4 Lorenzago di Cadore

> 5 Domegge di Cadore

> 6 Pieve di Cadore

> 7 Perarolo di Cadore

> 8 Ospitale di Cadore

> 9 Longarone

> 10 Soverzene

> 11 Pieve d’Alpago

> 12 Chies d’Alpago

> 13 Tambre d’Alpago

PROVINCIA DI TREVISO:

> 14 Fregona

> 15 Sarmede

> 16 Cordignano

> 17 Gaiarine

> 18 Portobuffole

> 19 Mansuè

> 20 Gorgo al Monticano

> 21 Meduna di Livenza

PROVINCIA DI VENEZIA:

> 22 Annone Veneto

> 23 Pramaggiore

> 24 Cinto Caomaggiore

> 25 Gruaro

> 26 Teglio Veneto

> 27 Fossalta di Portogruaro

> 28 San Michele al Tagliamento