Giovanni Piccoli

PICCOLI SCRIVE A PREFETTURA E ANAS

“C’era l’allerta meteo dell’Arpav e c’erano pure le raccomandazioni del Centro funzionale decentrato regionale della Protezione civile ma sulle strade del Cadore, Val Boite in particolare, abbiamo assistito a una serie di disagi che davvero poteva essere evitata. Chi doveva vigilare, non ha vigilato fino in fondo, a cominciare dai tir”.

A dirlo è il senatore di Forza Italia Giovanni Piccoli, allertato fin dalla prima mattina da diversi amministratori del territorio, stanchi di assistere sempre allo stesso copione.

“Mi è stato riferito che l’Anas si è mossa tardi e che, come troppo spesso accade, i mezzi pesanti – in particolare quelli sprovvisti di catene – non sono stati fermati a Tai o comunque prima di avventurarsi verso Auronzo o Cortina”.

“Insomma, nonostante l’allerta abbiamo assistito a una buona dose di disorganizzazione”, prosegue Piccoli, che nelle prossime ore scriverà ad Anas e Prefettura per avere dei chiarimenti.