Giovanni Piccoli

TBE NEL BELLUNESE: SERVE VACCINAZIONE GRATUITA

L’allarme era stato lanciato a inizio estate dalle strutture sanitarie bellunesi e dalla Simit, la Società italiana Malattie Infettive e Tropicali: nel Bellunese ci sono troppi casi di Tbe.

Da qui è partito questa mattina il senatore Giovanni Piccoli organizzatore del convegno che si è tenuto all’Istituto agrario “Della Lucia” di Feltre dal titolo “Le malattie trasmesse dalle zecche: prevenzione e rimedi”.

A introdurre i lavori è stato il preside dell’istituto Ezio Busetto che ha parlato dell’importanza della prevenzione e della conoscenza dei rischi connessi dal morso di zecca in particolare tra i giovani studenti dell’istituto.
E’ toccato poi a Mauro Soppelsa e a Nicola Delai dell’Uls 2 di Feltre trattare i rischi per la salute umana.

Si sono poi alternati Maurizio Minuzzo, responsabile della unità organizzativa forestale di Belluno e Giorgio Pielli (forestale) che ha fatto una analisi dei dati statistici dal 2008 ad oggi.

Dal canto suo Piccoli si è detto pronto a sensibilizzare l’Esecutivo: “Invierò al ministero della sanità la proposta di assicurare la vaccinazione gratuita contro l’encefalite da morso di zecca, oggi a pagamento, ai cittadini della Regione Veneto, così come già avviene in Friuli Venezia Giulia”.

“Il Bellunese è tra le zone più colpite e i casi di TBE sono in aumento, mentre in Friuli il trend è in diminuzione”, ha affermato Piccoli.

Per Piccoli è poi utile soffermarsi fin da subito sui soggetti maggiormente a rischio: “Mi riferisco a tutti quei soggetti che operano in aree a rischio come forestali o gli stessi studenti dell’Agrario che svolgono tirocinio all’aperto. Per loro – come succede in Trentino-Alto Adige deve essere approntata una campagna ad hoc”.